Cucina

Alimenti che Contengono Vitamina B9 – Quali Sono

Gli alimenti con vitamina B9 sono importanti per il benessere del nostro corpo, leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, e come scegliere alimenti ricchi di vitamina B9 in base a criteri di qualità, aspetti nutrizionali, proprietà benefiche per l’organismo, prezzo e corretta informazione per il consumatore.

La vitamina B9 individua una serie di composti chiamati folati, ed è per questo che è anche conosciuta con il nome di acido folico. Diversamente da molte vitamine del gruppo B, questa non viene sintetizzata dal nostro organismo, ed è perciò assumibile solo attraverso l’alimentazione. Rappresenta invece una caratteristica comune alle vitamine del gruppo B quella di ridursi a causa dei trattamenti degli alimenti, e l’acido folico in questo caso non rappresenta un’eccezione. La vitamina B9 si trova in natura legata ad altre sostanze, ed è quindi necessario scomporla da queste prima che sia assorbita dall’organismo.

L’importanza della vitamina B9 ha fatto si che essa diventasse oggetto di attenti e specifici studi. L’acido folico riveste grande importanza soprattutto per i tessuti che subiscono cambiamenti continui, come ad esempio quelli dell’embrione. È per questo che la vitamina B9 è spesso associata alla prevenzione di malformazioni del feto, in particolare a livello neurologico. L’acido folico è inoltre impiegatop anche nel DNA e RNA, e partecipa al metabolismo proteico e alla produzione di globuli rossi.

È possibile assumere vitamina B9 in misura rilevante nelle piante a foglia: spinaci, broccoli, arance, lattuga sono tutti ottime fonti di acido folico. Anche legumi, cereali e frattaglie di animali si uniscono all’elenco. Benché gli alimenti ricchi di vitamina B9 siano molti, è comunque possibile il verificarsi di una carenza di questa sostanza, e la causa potrebbe essere la presenza nel nostro corpo di agenti inibitori dell’assimilazione della vitamina B9. In più, l’elevata sensibilità al caldo diminuisce l’apporto degli alimenti in seguito alla cottura.

Nei casi di carenza di vitamina B9, i soggetti ai quali necessariamente si consiglia una integrazione a parte sono le donne in gravidanza o che vogliano prepararsi ad una gravidanza: l’acido folico, infatti, ha un ruolo importantissimo per i tessuti soggetti a continue mutazioni, come quelli del feto. E’ stato inoltre osservato che una dose superiore di vitamina B9, già durante le prime settimane, riduce i rischi di malformazioni del feto, viceversa, potrebbero presentarsi problemi per la salute dell’embrione, soprattutto a livello nervoso e in generale nella crescita del feto. In alcuni casi, è possibile che si abbia una parto prematuro.