Cucina

Alimenti che Contengono Vitamina A – Quali Sono

Gli alimenti con vitamina A sono importanti per il benessere del nostro corpo, leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, e come scegliere alimenti ricchi di vitamina A in base a criteri di qualità nutrizionali, prezzo e corretta informazione per il consumatore.

La vitamina A, nella sua composizione chimica, si lega in particolare alla struttura che prende il nome di retinolo e ai suoi simili, detti retinoidi. Può trovarsi tuttavia sotto le forme più diverse, ed infatti nella carne la vitamina A è sottoforma di retinil-esteri, ma anche nei vegetali lo ritroviamo nella composizione di carotenoidi, che sono suoi precursori.

La vitamina A (retinolo) concorre alla rigenerazione delle cellule, che consente la crescita e la tenuta del nostro sistema immunitario, quindi in definitiva il nostro stesso equilibrio fisiologico.

Generalmente però gli effetti benefici della vitamina A si ricollegano soprattutto alla vista, poiché parte della nostra retina viene formata dalla rodopsina, che è appunto costituita in particolar modo dalla vitamina A. E’ in particolare grazie alla rodopsina che possiamo vedere bene anche di notte. Infine, la vitamina A è molto utile per combattere alcune infiammazioni della pelle, come acne, eczema o psoriasi.

La vitamina A è facilmente assumibile attraverso il consumo di alimenti quali carne, pesce, latte, uova, e in generale in tutti gli alimenti di origine animale particolarmente grassi.

Nell’area occidentale non si segnalano grossi casi di carenza di vitamina A, ma il problema è abbastanza diffuso nei paesi in via di sviluppo. Dei valori bassi di vitamina A possono avere ricadute significative sulla crescita e sulla salute della pelle e addirittura, nei casi più gravi, può provocare infezioni renali e alcuni problemi oculari (come la secchezza delle cornee) che possono sfociare in cecità totale.

Anche le donne in gravidanza dovrebbero monitorare il valore di vitamina A, poiché una sua carenza potrebbe provocare alcune serie malformazioni al feto, in particolare agli occhi, ai polmoni e al sistema cardiovascolare.

Naturalmente, anche un eccesso di vitamina A non è benefico, anzi può causare inappetenza, emicranie, dolori articolari e in generale un senso di pesantezza e stanchezza. Nei casi più gravi si registrano danni irreversibili a fegato e milza, così come possibili malformazioni fetali. Per evitare questo rischio è sconsigliato, specie alle donne in gravidanza, consumare interiora (in particolare fegato), mentre è opportuno sottoporsi eventualmente ad integrazioni vitaminiche artificiali di vitamina A.